Mutuo al 100 per cento del valore della casa con estensione di ipoteca

, , , , , ,
Mutuo al 100 per cento del valore della casa con estensione di ipoteca

Ipotecare più immobili

Normalmente i finanziamenti ipotecari per l’acquisto di una prima casa non possono superare l’80% della quotazione dell’immobile, secondo quanto disposto dal regolamento emanato dal Comitato Interministeriale per il Credito e il Risparmio ( Cicr), recepito dalla Banca d’italia.

Estendendo  la garanzia su altri beni posseduti da sé o dai familiari è possibile derogare alla norma e ottenere sino al 100% del capitale.

Mutuo al 100% del valore della casa con estensione di ipoteca a più immobili

( tasso fisso 1,10% in 25 anni )

Dopo 5 anni di ratei regolarmente pagati  si ottiene la riduzione ipotecaria sull’immobile dato in garanzia per il restante 20% del mutuo richiesto

Dal punto di vista dei costi l’effetto sarà trascurabile. Nella maggior parte dei casi riguarderà soltanto la perizia delle unità integrative.

NOTA: se i beni dipendono da diversi Uffici del Territorio o differenti Conservatorie dei Registri Immobiliari, i costi notarili potrebbero risultare lievemente più alti.

Di solito, l’immobile per il quale si richiede un mutuo rappresenta di per sé una garanzia per la banca che, attraverso l’ipoteca iscritta sull’immobile stesso, può, in caso di insolvenza, espropriare il bene e recuperare dalla vendita il credito vantato.

Chiaramente, più alto è il debito, maggiori sono i rischi che la banca corre. Ed è per questo che in caso di mutuo 100% servono anche garanzie integrative a copertura della parte eccedente il canonico 80%.

Più in particolare, la delibera del Cicr citata in precedenza stabilisce che costituiscono una forma di garanzia “le fideiussioni bancarie e assicurative, polizze di compagnie di assicurazione, cessioni di annualità o contributi a carico dello Stato o di enti pubblici, fondi di garanzia e da altre idonee garanzie, secondo i criteri previsti dalla Banca d’Italia”.

Ed è qui che può entrare in gioco il Fondo di garanzia prima casa, istituito presso il Ministero dell’economia e delle finanze con la legge n. 147 del 2013 e gestito da Consap (Concessionaria servizi assicurativi pubblici).

Il Fondo, rifinanziato di recente per il 2019, attraverso uno stanziamento di 100 milioni di euro, rilascia una garanzia statale fino al 50% della quota capitale (quindi esclusi gli interessi) del finanziamento ipotecario erogato. Ed è proprio grazie alla garanzia dello Stato che è più semplice ottenere un mutuo 100 per cento presso le banche che aderiscono al Fondo e il cui elenco è reperibile sul sito di Consap insieme a tutta la modulistica del caso.