Emergenza Coronavirus – Senza salute non c’è economia

, , , , , ,

L’estendersi dell’epidemia di Covid-19 (coronavirus) ha indotto il Governo, negli ultimi giorni, ad emanare un susseguirsi di decreti che restringono sempre di più la nostra mobilità, modificando radicalmente le abitudini di vita e lavorative di tutti noi.

Con il Dpcm9 marzo 2020 entrato in vigore oggi, ad estendere a tutto il Paese le misure già previste per la Lombardia e le 14 province coinvolte (Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli, Padova, Treviso e Venezia): ci si potrà spostare solo «per comprovati motivi di salute e di lavoro» (in allegato il modulo per l’autocertificazione).

Anche cinema, teatri, palestre, lezioni scolastiche e gare sportive, Serie A inclusa, sono sospese fino al 3 aprile.

Ai timori sul fronte sanitario si aggiungono quelli per il crollo delle Borse e dell’economia.

Ci sono, però, alcuni buoni segnali: il numero di nuovi casi in Cina è crollato.

Fa la notizia della richiesta delle Regioni Lombardia e Veneto di chiusura totale di tutte le attività al di fuori di quelle
essenziali (come alimentari e farmacie).

Se questo ulteriore irrigidimento potrà aiutare a bloccare il virus, ben venga, noi faremo la nostra parte.

La nostra solidarietà va a tutte le comunità colpite dal coronavirus che vivono momenti di comprensibile difficoltà.

Rivolgiamo un pensiero alle vittime ed esprimiamo vicinanza ai loro familiari e riconoscenza al personale medico sanitario al lavoro per fronteggiare e arginare la diffusione del virus.

L’Italia, a partire dalle regioni del nord, sta affrontando una situazione di forte difficoltà che ci invita a fare sistema affinché ognuno di noi faccia la propria parte per contenere la diffusione del virus.

Perché se l’emergenza sanitaria non verrà contenuta, a partire dal senso di responsabilità di tutti noi, il rischio è che si fermi l’intero sistema Paese con danni economici irreversibili per tutti i settori.

Prima arrestiamo il virus prima potremo tornare a riprendere in mano le nostre attività e tornare alla vita di tutti i giorni.

Senza salute non c’è economia.

Presidente nazionale Fimaa

In allegato trovate: