2023 dov’è andato il risparmio.. e il 2024?

Secondo l’Associazione bancaria italiana (ABI), il risparmio delle famiglie italiane è aumentato di 108 miliardi di euro nel 2023, raggiungendo i 1.831 miliardi di euro.

Questo aumento è dovuto a una serie di fattori, tra cui:

  • L’aumento dei prezzi: l’inflazione è aumentata del 6,8% nel 2023, spingendo le famiglie a risparmiare per compensare il calo del potere d’acquisto.
  • La ripresa economica: la ripresa economica ha portato a un aumento dei salari e degli investimenti, che hanno contribuito ad aumentare il reddito delle famiglie.
  • La maggiore incertezza: l’incertezza geopolitica e macroeconomica ha portato le famiglie a rivedere le proprie abitudini di consumo e a risparmiare di più.

Nel 2024, si prevede che il risparmio delle famiglie italiane continui a crescere, ma a un ritmo più lento. L’inflazione dovrebbe rallentare, ma i prezzi rimarranno elevati, spingendo le famiglie a continuare a risparmiare. La ripresa economica dovrebbe continuare, ma a un ritmo più moderato, contribuendo a sostenere il reddito delle famiglie. L’incertezza geopolitica e macroeconomica dovrebbe rimanere alta, ma le famiglie dovrebbero iniziare ad adattarsi a questo nuovo contesto.

Ecco una ripartizione del risparmio delle famiglie italiane nel 2023:

  • Conto corrente: 630 miliardi di euro (34,2%)
  • Risparmio gestito: 485 miliardi di euro (26,4%)
  • Risparmio gestito: 485 miliardi di euro (26,4%)
  • Obbligazioni: 316 miliardi di euro (17,4%)
  • Azioni: 250 miliardi di euro (13,7%)
  • Altro: 340 miliardi di euro (18,3%)

Il conto corrente è ancora la forma di risparmio più utilizzata dalle famiglie italiane, con una quota di mercato del 34,2%.

Il risparmio gestito è la seconda forma di risparmio più importante, con una quota di mercato del 26,4%.

Le obbligazioni e le azioni rappresentano rispettivamente il 17,4% e il 13,7% del risparmio totale.

La categoria “altro” include una serie di strumenti di risparmio, come i libretti di risparmio, i conti deposito e i fondi pensione.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *