Italia – Salemi, nella Sicilia rurale all’asta le case a un euro

, , , , ,
Italia - Salemi, la bellissima cittadina in provincia di Trapani, ha messo all'asta le case a un euro

Italia – Salemi, la bellissima cittadina in provincia di Trapani, ha messo all’asta le case a un euro, l’affascinante borgo medievale nella Sicilia rurale che conta circa 4.000 case abbandonate.

L’Italia soffre del problema dello spopolamento delle zone rurali, per questo motivo alcuni comuni del Paese, per evitare di diventare città fantasma, hanno lanciato da tempo l’idea geniale di vendere “case a un euro” e attirando così l’attenzione di tutti, cittadini e stranieri.

Nel 2018 il comune sardo di Ollolai ha offerto case a un euro, nel 2019 il comune di Sambuca, in Sicilia, ha fatto la stessa proposta, poi sono seguiti altri comuni italiani.

Il bando, pubblicato in lingua italiana e inglese, prevedeva come termine ultimo per la partecipazione al 31 agosto 2021.

Salemi, il paese, è inserito nel prestigioso elenco dei Borghi più Belli d’Italia e nella Rete dei Castelli di Sicilia, riconoscimenti per il suo patrimonio storico e artistico e per la bellezza dei suoi luoghi. A cento chilometri a sud-ovest di Palermo, sorge sulla sommità di una collina, ad un’altezza di 442 metri sul livello del mare.

Si propone come luogo ideale per chi intende adottare uno stile di vita ecosostenibile, lontano dal caos delle grandi città e in un territorio ricco di storia e bellezze naturali come quello della Sicilia occidentale.

Circondata da campi coltivati, vigneti, mandorli e ulivi, offre un’immagine spettacolare. Il paese di origine medievale è costituito da vicoli, piazze suggestive, chiese e palazzi nobiliari che, attraversandoli, mostrano il passaggio della storia.

Le case risalgono al XVII secolo e si trovano nel cuore del centro storico, circondate dalle antiche mura della città. Gli edifici dalle pareti spesse realizzati in solida arenaria rosa-giallastra, hanno più piani con balconi che si affacciano sulla valle del Belize.

All’interno del paese spicca il castello normanno del XIII secolo, costituito in sommità da due torri quadrate e da un’alta torre cilindrica. Nelle vicinanze si possono vedere i ruderi della chiesa principale, devastata dal terremoto del 1968, in piazza Alicea, della sua struttura rimane solo l’abside.

Scendendo per via Francesco d’Aguirre si trova il Convento dei Gesuiti, austera costruzione quattrocentesca che attualmente ospita il Museo Civico composto da quattro musei: il Museo di Arte Sacra, in cui sono conservate le opere d’arte della Chiesa Matri; il Museo Archeologico, che espone i reperti rinvenuti nei siti di Mokarta e Monte Polizo; il Museo del Risorgimento, su Garibaldi; e il Museo della Mafia Leonardo Sciascia, sulla realtà della mafia in Sicilia, quest’ultimo piuttosto interessante.

C’è un altro museo dedicato al pane, il Museo del Pane Rituale, serve a pubblicizzare l’importanza e le tradizioni legate a questo cibo, in particolare, sono importanti durante la celebrazione del 19 marzo in onore di San José e dove dedicano a lui un altare fatto di pane.

Altri monumenti sono il Municipio, la chiesa di San Agustín e la basilica paleocristiana di San Miceli, del IV secolo d.C.

 

Vuoi vendere casa? Affidati a CasePerLa soluzione immobiliare per le tue esigenze!

 

caseper.it

Tra i nostri servizi

• Immobile Garantito – Fai il check-up del tuo immobile

• Adotta lo strumento della Pre delibera di un mutuo

• 8 motivi per scegliere Caseper

• Stai cercando un mutuo? Scegli tra più di 40 banche!

• News