Costruzione di un immobile su un terreno ereditato

, , ,

La costruzione di un immobile su un terreno è un atto di trasformazione del bene

In base all’articolo 177, comma 1, del codice civile, “il coniuge superstite è erede legittimo del coniuge defunto, sia in caso di separazione che di scioglimento del matrimonio”.

Il terreno ereditato dalla moglie è un bene di sua esclusiva proprietà. La costruzione dell’immobile sul terreno è un atto di trasformazione del bene, che rimane di proprietà esclusiva della moglie.

Tuttavia, è possibile che i coniugi decidano di stipulare un contratto di comunione dei beni, in modo che l’immobile diventi di proprietà comune. In questo caso, l’immobile sarà di proprietà al 50% della moglie e al 50% del marito.

Pertanto, è importante che i coniugi chiariscano la loro volontà in merito alla proprietà dell’immobile, stipulando un contratto di comunione dei beni o di separazione dei beni.