UniCredit multata per violazione della privacy

UniCredit multata per violazione della privacy

Il 7 marzo 2024, il Garante per la protezione dei dati personali ha multato UniCredit per 2,8 milioni di euro per violazione della privacy.

La multa è stata comminata a seguito di un’indagine avviata dal Garante nel 2023, dopo che era stata segnalata una fuga di dati che aveva coinvolto migliaia di clienti e ex clienti della banca.

L’indagine ha accertato che UniCredit non aveva adottato misure adeguate per proteggere i dati personali dei suoi clienti.

In particolare, la banca non aveva adeguatamente protetto i sistemi informatici e non aveva adottato misure per prevenire l’accesso non autorizzato ai dati.

La multa è stata comminata in base al Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR), che prevede sanzioni fino a 20 milioni di euro o al 4% del fatturato globale annuo, a seconda di quale sia l’importo maggiore.

UniCredit ha dichiarato di aver preso atto della multa e di aver già adottato misure per migliorare la sicurezza dei dati dei suoi clienti.

La banca ha inoltre annunciato che risarcirà i clienti che hanno subito danni a causa della violazione della privacy.

La multa comminata a UniCredit è un importante segnale di attenzione da parte del Garante per la protezione dei dati personali.

Il caso UniCredit sottolinea l’importanza per le aziende di adottare misure adeguate per proteggere i dati personali dei propri clienti.

Le aziende che non si conformano al GDPR possono essere multate e risarcire i danni ai clienti.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *