LE IMPOSTE SUGLI IMMOBILI EREDITATI La dichiarazione di successione

,
La dichiarazione di successione

La dichiarazione di successione

Quando nell’attivo ereditario sono compresi beni immobili o diritti reali immobiliari è sempre obbligatoria la presentazione della dichiarazione di successione.

L’obbligo di presentare la dichiarazione di successione è escluso, difatti, solo nel caso in cui si verifichino, contemporaneamente,le seguenti condizioni:

  • l’eredità è devoluta al coniuge e ai parenti in linea retta
  • l’attivo ereditario ha un valore non superiore a 100.000 euro
  • nell’attivo ereditario non sono compresi beni immobili o diritti reali immobiliari.

La dichiarazione deve essere presentata entro dodici mesi dalla data di apertura della successione, che coincide, generalmente, con la data del decesso del contribuente.

È necessario compilare l’apposito modulo (modello 4), reperibile presso ogni ufficio territoriale o sul sito
dell’Agenzia (www.agenziaentrate.gov.it), e successivamente presentarlo all’ufficio territoriale dell’Agenzia nella cui circoscrizione era fissata l’ultima residenza del defunto. In caso di utilizzo di modello differente, la dichiarazione risulta nulla.

Se il defunto non aveva la residenza in Italia, la denuncia di successione deve essere presentata all’ufficio nella cui circoscrizione era stata fissata l’ultima residenza italiana.

Se non si è a conoscenza di quest’ultima, la denuncia va presentata all’Agenzia delle Entrate – Direzione provinciale di Roma II – Ufficio territoriale “Roma 6”, Via Canton 20 – CAP 00144.

Quando nell’attivo ereditario è presente un immobile, prima di presentare la dichiarazione di successione
occorre calcolare e versare le imposte ipotecaria, catastale e di bollo, la tassa ipotecaria, i tributi speciali e i tributi speciali catastali.

Inoltre,  entro trenta giorni  dalla presentazione della dichiarazione di successione, è necessario  presentare la richiesta di voltura degli immobili agli uffici dell’Agenzia – Territorio.

 

CHI DEVE PRESENTARE LA DICHIARAZIONE

Sono obbligati a presentare la dichiarazione di successione:

  • i chiamati all’eredità e i legatari, o i loro rappresentanti legali
  • gli immessi nel possesso dei beni, in caso di assenza o di dichiarazione di morte presunta
  • gli amministratori dell’eredità
  • i curatori delle eredità giacenti
  • gli esecutori testamentari
  • i trustee.

Se più persone sono obbligate alla presentazione della dichiarazione, è sufficiente che la stessa sia presentata da una sola di esse.

Alla dichiarazione non occorre più allegare gli estratti catastali degli immobili caduti in successione (risoluzione n. 11/E del 13 febbraio2013).

 

Dichiarazione rettificativa

La dichiarazione di successione può essere modificata entro la scadenza del termine di presentazione.

Con la risoluzione n. 8/E del 13 gennaio 2012 l’Agenzia delle Entrate ha precisato che è possibile rettificare la dichiarazione anche oltre questo termine, purché le modifiche siano dichiarate prima della notifica dell’avviso di rettifica e di liquidazione della maggiore imposta o,  in mancanza, entro il termine previsto per la notifica del medesimo atto (due anni dal pagamento dell’imposta principale).

 

FISCO E CASA: SUCCESSIONI E DONAZIONI

INDICE
LE IMPOSTE SUGLI IMMOBILI EREDITATI

>>L’imposta di successione
>>Le imposte ipotecaria e catastale
>>La dichiarazione di successione

LE IMPOSTE SULLE DONAZIONI DI IMMOBILI

>>Le aliquote
>>Le imposte ipotecaria e catastale

ATTENZIONE:
le indicazioni contenute nella presente guida potrebbero subire modifiche. E’ opportuno verificarle attraverso il sito dell’Agenzia delle Entrate