Modificato il Decreto Specializzandi sulla raccolta di sangue

Il Decreto Specializzandi n. 156 del 30 agosto 2023, che disciplina la raccolta di sangue e emocomponenti da parte di medici specializzandi, ha subito alcune modifiche a febbraio 2024.

Le modifiche principali riguardano:

    Reintroduzione del compenso per i medici specializzandi: Il decreto originario prevedeva che la collaborazione degli specializzandi fosse solo a titolo gratuito e volontario. Le modifiche reintroducono la possibilità per i medici specializzandi di essere retribuiti per la loro attività di raccolta di sangue, come previsto in precedenza.

    Maggiore flessibilità per le modalità di collaborazione: Il decreto originario stabiliva modalità di collaborazione rigide e poco flessibili. Le modifiche apportate prevedono una maggiore flessibilità, consentendo ad esempio la collaborazione occasionale e la possibilità di stipulare contratti libero-professionali.

    Riconoscimento del ruolo delle associazioni di volontariato: Le modifiche riconoscono il ruolo fondamentale delle associazioni di volontariato nella raccolta di sangue e prevedono la possibilità di stipulare convenzioni con queste associazioni per la collaborazione degli specializzandi.

Le modifiche al Decreto Specializzandi sono state accolte con favore da diverse parti, tra cui:

    Federazione Italiana Associazioni Donatori di Sangue (FIDAS): FIDAS ha espresso soddisfazione per il recepimento delle proprie indicazioni, sottolineando l’importanza di una collaborazione flessibile e retribuita degli specializzandi.

    Associazione Nazionale Giovani Medici (ANGM): ANGM ha apprezzato la reintroduzione del compenso per i medici specializzandi, ritenendola un riconoscimento del valore del loro lavoro.

    Ministero della Salute: Il Ministero della Salute ha dichiarato che le modifiche al decreto permetteranno di rafforzare il sistema della raccolta di sangue e plasma in Italia.

Le modifiche al Decreto Specializzandi rappresentano un passo avanti importante per migliorare la collaborazione tra medici specializzandi e associazioni di volontariato nella raccolta di sangue.

Tuttavia, rimangono alcune criticità, come la carenza di personale e la necessità di una maggiore formazione per gli specializzandi.

È auspicabile che il sistema della raccolta di sangue in Italia continui a migliorare per garantire l’autosufficienza del paese e la sicurezza dei donatori.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *