News

Scopri le ultime notizie

Britannici che investono in immobili all’estero, sono in calo

Britannici che investono in immobili all'estero, sono in calo

Il numero di acquirenti britannici che investono in immobili nel Mediterraneo sono in calo, causa dell’incertezza circa il futuro della Gran Bretagna in Europa e una sterlina più debole

Un rapporto dell’Associazione spagnola di agenti immobiliari ha rilevato che la domanda britannica per le seconde case in Spagna è calato quasi del 30% sui livelli di pre-referendum dello scorso anno.

In Grecia, dove le tasse immobiliari sono aumentate,  in una debole economia e con i timidi timori che il Paese potrebbe ancora essere espulso dalla zona euro, gli agenti immobiliari in alcune delle più popolari isole greche stanno segnalando un impatto ancora maggiore nel numero di britannici che non  cercano case dal voto di Brexit.

“Se non è il 90%, è certamente l’80%”, dice Manolis Mazaros, che gestisce la proprietà immobiliare Alpha, una delle più antiche compagnie immobiliari di Agios Nicholaos, una delle località turistiche più popolari di Creta.

Assicurati dal sole e dal mare, circa 300.000 cittadini britannici  hanno acquistato la loro casa in Spagna, e con più di 600.000 proprietari di seconde case.

Sulla scia della crisi bancaria globale 2008 e il fallimento di società di costruzioni di immobili spagnole, le vendite di case di vacanza in Spagna da acquirenti britannici si erano dimezzati. Ma dal 2012 fino al voto di Brexit, gli acquisti britannici sono cresciuti in media del 20% all’anno.

Ora si assiste ad un processo inverso.

La relazione della settimana scorsa ha mostrato che le vendite ad acquirenti britannici per il primo trimestre del 2017, sono passati da 2.800 l’anno scorso a 2.000.

La maggior parte delle seconde case di Manolis Mazaros a Creta sono ville di nuova costruzione con piccole piscine per un valore di circa 250.000 euro, costano per un acquirente britannico £ 20.000 più di quello di giugno 2016.

La principale causa è cha la sterlina ha  perso oltre il 10% del suo valore contro euro e dollaro, rispetto al giorno del referendum.

Una villa di 300.000 euro a Murcia che sarebbe costata per un acquirente britannico £ 229.000 ora costerà £ 254.000.

Inoltre, in alcune città, come Barcellona, ​​i prezzi sono aumentati di circa il 10%, pertanto gli acquirenti sono penalizzati ancora di più.
“La svalutazione della sterlina “, ha dichiarato Pelagia Papamaxiaki presso la Creta Houses di Aghia Galini,
un piccolo villaggio di pescatori sulla costa meridionale rurale di Creta dove hanno acquistato numerosi inglesi negli ultimi anni. “I clienti pur chiamando ancora, gli appuntamenti di prenotazione britannica sono scesi di circa dell’80%”, ha dichiarato.

La Grecia, a parte le imposte sulla proprietà,  si teme  che non sia in grado di restare nella zona euro e torni alla dracma.

Così, dice Mazaros, mentre gli acquirenti britannici stanno lontano, i proprietari britannici già a Creta stanno cercando di spostarsi.

“Circa il 50% degli inglesi che hanno case in questa zona vogliono venderle, solo che i Greci non possono permettersi di acquistarle.